Fumare un pacchetto di sigarette al giorno per un anno provoca 150 mutazioni nelle cellule del polmone

Gli scienziati hanno misurato il catastrofico danno genetico causato dal fumo nei diversi organi del corpo umano ed hanno identificato diversi meccanismi per cui il fumo di tabacco provoca mutazioni nel DNA.
I ricercatori del Wellcome Trust Sanger Institute, del Los Alamos National Laboratory e i loro collaboratori hanno riscontrato che i fumatori accumulano in media 150 mutazioni aggiuntive in ogni cellula del polmone per ogni anno di fumo di 1 pacchetto di sigarette al giorno.
Lo studio, pubblicato sulla rivista Science, mostra un collegamento diretto tra il numero di sigarette fumate nel corso della vita e il numero di mutazioni nel DNA tumorale. I più alti tassi di mutazione sono stati riscontrati nei tumori del polmone, ma anche tumori in altre parti del corpo presentavano queste mutazioni associate al fumo, spiegando come il fumo provochi molti tipi di tumori nell'uomo. continua

Un anno di interazioni proteina-proteina
Una cellula tipicamente esprime in ogni istante migliaia di proteine il cui funzionamento coordinato è di fatto responsabile della stragrande maggioranza delle funzioni cellulari, tra cui quelle che decidono se la cellula sia sana o sviluppi un fenotipo patologico. Nel campo dell'interazione tra proteine due sono le domande più importanti continua
23-26 Novembre 2016
HuGeF al Congresso Nazionale SIGU 2016

I ricercatori HuGeF interverranno in diverse sessioni del XVI Congresso della Società Italiana di Genetica Umana, che si terrà a Torino dal 23 al 26 novembre 2016.
Il prof. Giuseppe Matullo fa parte del continua

6 ottobre 2016
Critelli e colleghi su Oncotarget

Il tumore alla vescica rappresenta circa il 3% di tutti i tumori e, in urologia, è secondo solo al tumore della prostata. È più comune tra gli over 60 ed è tre volte più frequente negli uomini che nelle donne. Alla diagnosi, questo tumore si presenta nella forma non invasiva nell'85% dei casi, continua

di Paola Mariano - La Stampa 11/05/2016
Più poveri, più malati "ecco le prove"
Nascere in una famiglia con buone condizioni socioeconomiche regala salute e anni di vita. Al contrario avere genitori di basso stato sociale lascia il segno, incrinando lo stato di salute. E ciò che emerge dal progetto di ricerca europeo «Lifepath», coordinato da Paolo Vineis, che decifra i meccanismi biologici che legano le diseguaglianze socioeconomiche a un cattivo stato di salute per poi sviluppare interventi mirati. «Lifepath» continua.